OOR Crew
fig.19
bio
B I O
⋅ ❀ ⋅
[ i t a ]

OOR Crew (Out Of Range Crew) è un collettivo di artisti che dal 2007 porta avanti il progetto Out of Range, evento di arte generativa, digitale e multimediale. Nato all'interno del Castello di Frontone, nel corso del tempo si è aperto ad altri luoghi ed esperienze (Museo del Balì, Notte Rossa di Rimini, OFFSET, Fano, Rocca Malatestiana). Il gruppo è composto da artisti che spaziano dal video alla fotografia, dalla illustrazione digitale e animata, all'arte generativa, mapping e realtà aumentata, sound art e live electronics.
[ e n g ]

OOR Crew (Out OF Range Crew) is an artistic collective that since 2007 conducts the Out Of Range project, a digital and multimedia arts event. Born in the Castle of Frontone, over the years it moved to other places and faced other experiences (Museo del Balì, Notte Rossa di Rimini, OFFSET Fano - Rocca Malatestiana).

The group is composed of artists operating in the fields of video, photography, digital illustration, animation, generative art, mapping, augmented reality, sound art and live electronics.


W O R K
⋅ ❀ ⋅
[ i t a ]

Manifest! è una installazione interattiva. Il termine "manifesto" significa, tra le altre cose, "palese, chiaro, evidente, offerto apertamente alla vista o all'intelletto altrui" (fonte Treccani).

In un certo senso il termine include, nella sua accezione, lo scambio, l'interazione, il contatto tra due entità, posizionate uno di fronte all'altra. In realtà il primo si offre al secondo, il quale non può non accettare, quasi sottomesso, il contenuto offerto. Questo "versamento" è la chiave dell'installazione, il cuore dell'azione.

I contenuti versati sono stati donati dal collettivo, in forma digitale, sono ri-mescolati e ri-ordinati in forma di "manifesto", poster visivo proiettato nel formato 70x100 cm di un vero manifesto-schermo, in un loop generativo casuale e disturbato da un glitch che ne evidenzia lo stato fisico, corporeo dell'immagine.

[ e n g ]

Manifest! is an interactive installation. The term "manifesto" means also "clear, obvious, evident, openly offered to others' view" (from Treccani encyclopaedia).

The term somehow thus includes exchange, interaction, contact between two entities facing themselves. Actually there is one offering itself to the other who can't do anything but accept the content offered as it is. This "transfer" is the key to the installation, the heart of the action.

The contents hereby have been donated by the collective in a digital format, then mixed and rearranged in form of a "manifesto" - a visual poster sized 70 x 100 cm projected on a screen, in a generative casual loop disturbed by a glitch that remarks the physical, tangible status of the image.
⋅ ❀ ❀ ❀⋅